Acquisto di un tosaerba, decespugliatore, sega e soffiatore a motore a scoppio oppure elettrico, qual è la soluzione migliore per avviamento, praticità, costo, consumo, manutenzione, rumore…

motorescoppioelettrico

Io e i macchinari agricoli con avviamento del motore a filo non andiamo d’accordo.
Sicuramente è colpa mia, non mi so prendere cura di loro e non so mantenerli efficienti ma tutte le volte che cerco di mettere in moto un tagliasiepi, una sega, un decespugliatore, un potatore, un soffiatore oppure un tosaerba a motore a scoppio ci sono sempre delle complicazioni.

Si può essere grippato il motore, la candela è sporca, ho sbagliato la miscela, manca l’olio ed eccomi che devo far visita all’officina, lasciare l’attrezzatura, attendere che venga controllata e riparata (a volte è immediato in altre occasioni passano settimane) e pagare l’intervento il quale, se anche di poco conto, ha sempre un costo.
Per i suddetti motivi ho iniziato progressivamente a rinnovare il parco dei prodotti necessari alla cura e manutenzione del verde (giardino ma anche alberi da frutta e olivi e taglio del bosco) acquistando solo oggetti il cui avviamento avvenga esclusivamente in maniera elettrica eliminando le complicazioni alle quali ero abituato ma assumendo alcuni nuovi disagi, alcuni anche importanti.

Vantaggi del motore elettrico:
– Avviamento immediato senza alcun sforzo anche se non si è utilizzato da anni.
– Manutenzione ridotta quasi a zero.
– Non respirare più i fumi di scarico.
– Abbattimento dei rumori.
– Prodotti con peso inferiore rispetto a quelli a motore.
– Costo inferiore di acquisto.

Svantaggi del motore elettrico:
– Pericolo dovuto dal trancio del cavo elettrico mentre è in funzione l’apparecchio.
– Necessità di prolunghe di decine, centinaia, di metri per coprire l’aria nella quale si desidera intervenire.
– Nella scelta dei prodotti, verificare attentamente la potenza assorbita per non avere brutte sorprese col contatore che non riesce a reggere e salta.
– Proprio per non superare la potenza consentita dal proprio contatore si devono acquistare prodotti con resa inferiore a quelli a motore.

E’ meglio un motore a scoppio oppure un motore elettrico?
Una risposta definitiva ed univoca a questa domanda non può esistere, troppe sono le variabili da prendere in considerazione ma, per quel che mi riguarda, confermo la scelta fatta di passare all’elettrico senza alcun ripensamento.
Pur non essendo il mio lavoro, e un professionista del settore, faccio settimanalmente in autunno e primavera un utilizzo intensivo dell’attrezzatura agricola, scegliendo i giusti prodotti con motore elettrico non ho alcun rimpianto di quelli con il motore a scoppio.

Lorenzo Tomada
Lorenzo Tomada
Un blog personale attraverso il quale condividere esperienze, consigli, trucchi, idee e tutto quello che ritengo utile ed interessante.

2 Commenti

  • Finalmente c’è gente che la pensa come me!
    Ho detto addio ai motori a benzina o miscela perché non ce la facevo più di respirare quei veleni e avere poi continui problemi di accensione.
    Da anni ho tutto elettrico anche grazie al fatto che ho varie prese nel mio giardino.
    Il filo è una scocciatura, un buon compromesso per una vita più salutare.
    Come diceva qualcuno, meditate gente, meditate!

  • Ciao Lorenzo, vorrei rassicurarti che la tua idea di avere solo macchinari a elettricità per la cura del giardino non è sbagliata, anzi! I vantaggi li hai elencati, l’unico inghippo è quel maledetto filo che se però ci fai un po’ di attenzione ti ci abitui e non ci fai più caso.
    Purtroppo ho del terreno a particelle troppo lontano da casa e tenerlo in ordine diventa un bel problema per me che inizio a non essere più un giovincello.
    Il peso, il puzzo di benzina, la manutenzione… Tutto rema a favore dell’elettrico e speriamo che queste nuove invenzioni elettriche senza fili siano presto efficaci in termini di prestazioni.
    Sinceramente sono scettico, avevo delle forbici e un seghetto della Bosch che dopo pochi mesi tenevano pochissimo la carica…
    Chi vivrà vedrà!
    Un saluto e complimenti per il blog.

Commenta questo articolo