Un buon motivo per non adottare tutte dotazioni che vengono offerte di default dai temi grafici professionali per WordPress…

Nella costruzione di siti internet con temi professionali m’imbatto, sempre e solo per siti dinamici realizzati con WordPress, in stili realizzati con un alto grado di personalizzazione già presenti.
Con il primo passaggio di Lollo.com a WordPress avevo sfruttato la sezione Portfolio del template caricando i lavori realizzati per alcuni clienti ed i portali della Lollo; con la nuova grafica ho dovuto fare i conti con la mancata compatibilità del portfolio precedente con quello offerto dal nuovo stile perdendo tutto il lavoro realizzato.
Per ovviare a questa evenienza, che può accadere quando si cambia radicalmente lo stile di un sito, è bene cercare di utilizzare dei plugin professionali a pagamento o scaricati dalla repository di WordPress al posto di sezioni e moduli presenti nei temi; ho citato il caso del portfolio, quello più presente, ma non mancano altre sezioni come ad esempio le testimonianze (per inserire le opinioni dei clienti).
Un modulo già incluso in un template ha l’indubbio vantaggio di adattarsi perfettamente alla grafica del sito uniformandosi in maniera perfetta.
Un plugin esterno permette di emulare quello di default ma con il grande vantaggio che potrà continuare a funzionare indipendentemente da quale stile grafico verrà utilizzato per il sito.

Total
1
Shares
3 commenti
  1. L’articolo non fa una piega soprattutto per chi lo utilizza in maniera personale.
    Non mi fraintendere, se sei una grande azienda, e ti puoi permettere assistenza ben pagata, allora chissene se il sito è pieno zeppo di plugin ma sei una piccola allora ti conviene focalizzarti veramente sui contenuti e sviluppare principalmente quelli.
    Va detto, mi replicherai, che una grande azienda difficilmente (non impossibile perché la casistica ne è piena) non si affiderà a WP e si farà fare qualcosa di personalizzato ma è chiaro che se da una release inizi a divagare un po’ troppo allora la percentuale di conflittualità salirà, parlo di compatibilità, e soprattutto per coloro con temi e plugin dedicati a questi temi saranno dolori quando si deciderà di switchare il design.
    Che ne pensi?

    1. Della serie fatti una domanda e datti una risposta…
      Non posso che concordare con te anche se, è bene ricordarlo, l’articolo è dedicato a coloro che si affidano ad un tema grafica impostato con plugin dedicati e poi, dopo anni, decidono di dare una nuova veste al sito.
      Se ti costruisci un sito ex-novo, oppure utilizzi un tema senza implementare le aggiunte fornite, il rischio di problemi nel passaggio ad un nuovo stile sarà azzerato o molto limitato.
      Tutto qui!

  2. Parole sante Lorenzo!
    Il bello di wordpress è proprio la semplicità di cambiare tema quando lo si desidera senza troppe complicazioni. E’ qui che la semplicità di wordpress si fa avanti… Con un blog normale senza tanti fronzoli posso farlo in un baleno. Con un sito sviluppato su un tema carico di funzioni si perdono molti dei lavori fatti perché il nuovo tema non li supporta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo Precedente

Creare un blog, dopo 7 mesi un primo bilancio

Articolo Successivo

Lettore Mp3 da 32 GB acquistato su Ebay da HdLimited, recensione ed opinioni