MENU

107 visite • Inserito nella categoria: Case PrefabbricateCommenti (0)

La casa prefabbricata sulla roccia ad un’ora da Seattle

Costruire sulla roccia, in un posto non proprio semplice, è stata la sfida….

In una fredda mattina di fine novembre, nel centro di Seattle, le case prefabbricate non sono sicuramente la prima cosa che viene in mente alla maggior parte della popolazione impegnata a combattere contro il duro inverno.
Ma per Peter e Mark Anderson, dello studio d’architettura Anderson Anderson, l’ambizioso ideale di una sistemazione accogliente economicamente accessibile è di fatto il primo pensiero.

Gli architetti provenienti da San Francisco, ma con sede a Seattle sanno che purtroppo il loro sogno non corrisponde alla realtà.
“Il basso costo è la prima cosa alla quale molti pensano quando si tratta di costruzioni prefabbricate” affermano con delusione gli architetti.
“Stiamo lavorando con questa tecnica da anni e pur essendoci una sensibile differenza di costo con le altre tecniche costruttive , le case che realizziamo non possiamo definirle a buon mercato. Ogni casa è differente, il luogo, le aspirazioni del cliente, il progetto…e tutto questo ha un costo.”

Fu per una o tutte di queste ragioni che nel 2001 l’avvocato in pensione Scott Stafne bussò alla porta della Anderson Anderson dopo aver visto una loro realizzazione.

A metà delgli anni ’90, Stafne aveva acquistato 360 acri (145 ettari) di terreno nelle foreste vicino a Seattle dove l’unico panorama erano alberi, animali selvatici, laghi, fiumi e cascate. Mentre da un punto ecologico questo potesse sembrare il paradiso era chiaro che mancava tutto quanto potesse servire per impiantare un cantiere edile…

Non considerando il costo come unico fattore, una casa prefabbricata è sembrata da subito la soluzione ideale per le necessità decostruzione di Stafne, data la posizione estremamente difficile del luogo ed il desiderio di mantenere il luogo il più possibile incontaminata.

Il risultato finale è incredibile e viene testimoniato dalle fotografie che seguono…

142333455464

L’articolo completo in inglese è disponibile qui

Articoli che potrebbero interessarti sullo stesso argomento o similari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *